Podcast

DiBIANCA DAL MOLIN

Il pan de mej, o pan meino di San Giorgio

 

– 23 aprile.

 

Il pan de mej (che si traduce in pan di miglio, ma che in realtà è fatto con la farina di granturco) è legato alla ricorrenza del 23 aprile, giorno che il calendario ambrosiano dedica alla celebrazione di San Giorgio.

 

La tradizione vuole che in questo giorno scadevano i contratti del latte tra i mandriani e i lattai milanesi, i quali, per l’occasione, offrivano questo dolce ai loro cliente, insieme alla panna liquida in segno di riconoscenza verso il Santo ma anche come simbolo di buon auspicio.

 

Il pan de mej sono dei meravigliosi biscottoni morbidi e profumati, ricoperti di zucchero, che, secondo la tradizione, dovevano essere gustati con la panna liquida, ma che in realtà anche da soli erano squisiti.

 

Ecco la ricetta tratta dal nostro libro “Angera in Pentola” le ricette della tradizione:

 

Ingredienti per circa 15 biscotti

 

Farina di mais fioretto 300 g

 

Farina 00 200 g

 

Burro 150 g

 

Zucchero 150 g

 

Baccello di vaniglia i semi di 1

 

Lievito in polvere per dolci 16 g

 

Uova medie 3

 

Sale fino 1 pizzico

 

Sambuco fiori (facoltativi) q.b.

 

Preparazione:

 

Sciogliere il burro senza farlo friggere e lasciare che si raffreddi.

 

Sgusciare le uova in una terrina e aggiungere zucchero e i semi della bacca di vaniglia;

 

sbattere gli ingredienti con una frusta elettrica fino ad ottenere una crema omogenea, aggiungere quindi il burro fuso freddo e un pizzico di sale e rimescolare.

 

Mischiare la farina di mais con la farina 00 e la bustina di lievito e unire agli altri ingredienti, setacciando le polveri.

 

Gli ingredienti mescolati dovranno diventare un composto morbido che si possa lavorare con le mani.

 

Formare delle palline e schiacciarle fino a ottenere dei dischi di circa 8 cm di diametro.

 

Adagiare i dischi su una teglia ricoperta di carta da forno e alla fine cospargerli, se possibile, con dei fiori di sambuco.

 

Coprire i dischi con zucchero semolato e zucchero a velo e mettere in forno già caldo a 180° per circa 20 minuti.

 

Servire freddi.

A questo link potete scaricare la video ricetta con le spiegazioni di come si prepara il dolce :

 

https://youtu.be/6VHUCd4nXZw

 

E adesso tocca a voi ……Buon lavoro e buon appetito

Questa ricetta e altre ricette della nostra tradizione le potete trovare nel nostro libro di ricette “Angera in Pentola” in vendita nella nostra sede di Angera in Via M Greppi 29

 

Questo libro lo potete trovare anche nella libreria Mondadori di Angera,

 

Per prenotarlo scrivete all’indirizzo e mail: info@ viviangera.it

Per restare aggiornati sui nostri nuovi video di ricette o dei nostri Podcast iscrivetevi al nostro canale youtube

 

🎥 https://www.youtube.com/c/AssociazioneViviAngera/videos

 

Al prossimo video, Vivi Angera

 

♡ ☼ Teniamoci in contatto: 🍿 ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE https://www.youtube.com/c/AssociazioneViviAngera/videos e attiva la campanella! 🔔

 

👍🏻 Se i nostri video vi piacciono, ricordate di metterci un like e commentate per dirci cosa ne pensate,

 

Sul nostro canale podcast potete seguire ALTRE RICETTE di Angera in Pentola e leggende e antiche storie del lago maggiore

 

LA BRÜSELA LA MERENDA DELLA TRADIZIONE https://youtu.be/ziAP2aJ37cE

 

Al caulat https://youtu.be/vM7_pf9R8x4

 

LA RŰSŰMAVA https://youtu.be/qG9OTTRvhKk

 

Sformato di verdure al forno di nonna Enrichetta del Damino https://youtu.be/WbQ8-FlhiXo

 

Barcaioli (Legge Marica) https://www.spreaker.com/user/12187842/barcaioli-legge-marica

 

Lupi (Legge Laura) https://www.spreaker.com/user/12187842/lupi-legge-laura

 

Il Surmana (Legge Alberto) https://youtu.be/Vk7-I1cPlJQ

 

Il Cavallo Rosso (Legge Adele) https://youtu.be/vSg3PiFZKdY

 

Primi anni del Novecento (Legge Adele) https://www.spreaker.com/user/12187842/primi-anni-del-novecento-legge-adele

 

La stria Lüminina ( Legge Marica) https://www.spreaker.com/user/12187842/la-stria-luminina-legge-marica

 

ll Miracolo (Legge Laura) https://www.spreaker.com/user/12187842/il-miracolo

 

Non perdetevi nel 200esimo anno dalla morte di Carlo Porta i “Desgrazzi de Giovannin Bongee recitata in milanese da Adele https://www.spreaker.com/user/12187842/desgrazi-de-giovannin-bongee-legge-adele

DiBIANCA DAL MOLIN

PASQUEE

 

PASQUEE per noi di Angera questa parola sta ad indicare lo spiazzo antistante alla chiesa parrocchiale.

 

Ma cosa significa e da dove deriva?

 

La parola deriva dal latino PASCUUM che vuol dire pascolo.

 

Spesso, infatti, davanti alle chiese vi erano grandi spiazzi in cui si lasciava crescer l’erba per far pascolare le bestie.

 

Così il termine PASQUEE indicava una piazza, uno spiazzo o il sagrato.

 

Troviamo PASQUEE con il significato di piazza della chiesa anche in una poesia di Carlo Porta “Olter disgrazi di Giovaninn Bongee”….

 

S’impieniss de personn tutt el pasquee………..

 

QUESTE parole e ALTRI modi di dire angeresi li trovi nel nostro libro

 

I paroll d’angera

 

in vendita presso la nostra sede di Via M.Greppi 29 -Angera

 

e presso la libreria Mondadori di Angera

 

Se volete seguire tutti i nostri podcast

 

https://www.spreaker.com/user/viviangera-vivavoce

 

Per restare aggiornati sui nostri nuovi video iscrivetevi al nostro canale youtube 🎥 https://www.youtube.com/c/AssociazioneViviAngera/videos

 

♡ ☼ Teniamoci in contatto: 🍿 ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE https://www.youtube.com/c/AssociazioneViviAngera/videos e attiva la campanella! 🔔